• Se aiuto una sola persona ad avere speranza, non avrò vissuto invano. (Martin Luther King)

PARRUCCHE CONTRIBUTI E DEDUZIONI PER CHI FA CHEMIOTERAPIA.


Alcuni trattamenti antitumorali possono causare la caduta dei capelli che, oltre a generare una sofferenza psicologica aggiuntiva, comporta un costo anche oneroso e non sempre sostenibile per la persona malata, per l'acquisto di una parrucca.
La qualità della vita, il ritorno al lavoro, la socialità del malato di cancro dipendono anche dalla parrucca che non può certo essere considerata un accessorio frivolo e superfluo ma un vero e proprio presidio sanitario necessario!
Purtroppo però gli interventi pubblici per l'acquisto della parrucca in caso di alopecia da trattamenti antitumorali non sono disciplinati in modo uniforme da una normativa nazionale e le  disposizioni regionali sono quanto mai diversificate e coprono il bisogno a macchia di leopardo.

La Regione Veneto si propone di erogare un contributo economico , non superiore a 300,00  Euro per l’acquisto di una parrucca a favore delle residenti nella Regione Veneto affette da alopecia a seguito di chemioterapia e/o radioterapia conseguente a patologia tumorale, con esenzione per reddito inerente ad una delle seguenti codifiche : 6R2  (esenzione del ticket per l’assistenza farmaceutica); 7R2 (bambini di età inferiore ai 6 anni e persone di età superiore a 65 anni, il cui nucleo familiare abbia un reddito inferiore ad euro 36.151,98); 7R3 (le persone disoccupate e registrate presso i centri per l’impiego e i loro familiari a carico. Questi nuclei familiari devono avere un reddito complessivo non superiore a euro 8.263,31. Questa cifra è aumentata ad euro 11.362,05 in presenza del coniuge e di ulteriori 516,46 euro per ciascun figlio a carico. 7R4 (titolari di assegno sociale e i loro familiari a carico); 7R5 (titolari di pensione al minimo che abbiano compiuto 60 anni e i loro familiari a carico se il reddito familiare è inferiore a euro 8.263,31 . Questa cifra è aumentata ad euro 11.362,05 in presenza del coniuge  e di ulteriori euro 516,46 per ciascun figlio a carico).
Ai fini della richiesta del contributo l’assistita presenta, entro il 31 dicembre dell’anno in cui è stato effettuato l’acquisto, apposita domanda al  Distretto Socio Sanitario di propria residenza, allegando:

  • copia della ricevuta fiscale
  • documentazione medica che attesti la malattia oncologica e le conseguenti cure chemioterapiche.

Ma è anche importante sapere che, per tutti pazienti oncologici indipendentemente dal luogo residenza, la spesa per l’acquisto della parrucca in caso di alopecia per trattamenti antitumorali può essere detratta fiscalmente dai redditi.

Quindi, partiamo proprio da questa notizia per entrare nel dettaglio delle informazioni appena enunciate.

Quanto si può detrarre:
La parrucca utilizzata in seguito a cure chemioterapiche viene considerata un dispositivo medico e la spesa rientra cosi nel novero delle spese sanitarie detraibili: la detrazione ammonta al 19% del costo della parrucca, nella parte in cui eccede la franchigia di euro 129,11. Ad esempio, se si acquista una parrucca da 450 €, è possibile detrarre il 19% di 320,89 € (450 – 129,11), cioè 60,97 €. E’ necessario che tale strumento sia però marcato come dispositivo medico CE.  Naturalmente dallo sgravio Irpef va sottratto l’eventuale contributo ricevuto dalla Regione Veneto.

Condizioni per ottenere la detrazione fiscale
Per ottenere la detrazione fiscale occorre presentare al momento della dichiarazione dei redditi:

  • fattura/scontrino fiscale che attesti l’acquisto della parrucca, dove sia indicato il codice fiscale della persona sottoposta a chemioterapia. Deve inoltre essere presente la voce “parrucca”.
  • documentazione medica che certifichi i trattamenti antitumorali cui si è sottoposta la persona che richiede la detrazione.
  • la certificazione a marchio Ce della parrucca da richiedere al momento dell’acquisto.

Per ulteriori informazioni, consigli e il ritiro del modulo di domanda di rimborso potete rivolgervi alla sede Avill-Ail tutte le mattine dalle ore 9 alle 12, in Viale Dal Verme 39/41 a Vicenza tel. 0444928853